ansia da prestazione

4 trucchi per combattere l’ansia da prestazione

Tempo di Lettura: 3 minuti

Dispetto #8 – Fare cilecca

Nel dispetto 8 abbiamo parlato di quelle volte che ci è capitato di fare cilecca. L’abbiamo detto, può succedere, a volte per motivi fisici altre per motivi psicologici. Uno di questi è sicuramente l’ansia da prestazione.
Quindi ecco 4 trucchi per combattere l’ansia da prestazione:

  • il sesso non è una dimostrazione di forza
  • i suoi ex non sono migliori di te
  • non è mai come nei film
  • smetti di parlare con il tuo pene
seguimi su ig @isolitidispetti

Trucco 1: il sesso non è una dimostrazione di forza

Il primo dei 4 trucchi per combattere l’ansia da prestazione da tenere a mente è che il sesso non è una dimostrazione di forza.
Non devi dimostrare quando tu sia forte, i tempi dell’uomo con la clava sono passati, ammesso che siano mai esistiti.
Devi dimostrare di essere bravo, ma su questo hai fatto esperienza in passato, sai cosa devi fare.
Nel caso ci sono dei siti (uno ha l’arancione e il nero come colori principali) che ti possono aiutare, guardali con parsimonia però perché altrimenti potrebbe essere che il tuo standard diventi quello dei video che vai a guardare.

Prova piuttosto a capire cosa le piace, anche parlandone con lei. Se le piace x o y, se preferisce fare questo o quello. Se sei arrivato al punto di essere a letto con lei, significa che le piaci, significa che non hai niente da temere. Stai tranquillo. Hai tutto da scoprire e quasi nulla da imparare.

Trucco 2: I suoi ex non sono migliori di te

Secondo, tieni a mente questo: i suoi ex non sono migliori di te, altrimenti in quel letto ci stavano loro.
Certo questo vale anche per le ragazze con cui sei stato tu. Adesso a scaldare il sacro talamo ci sarà qualcun altro. Esattamente come capiterà anche a te, è una ruota, è il naturale processo di eliminazione (citando il vate Manuel Agnelli)

Magari l’altro aveva dimensioni migliori delle tue? Forse ci sapeva fare di più? Ma in quel letto lui non c’è. Quindi pare evidente tu non debba dimostrare niente, hai già vinto, sempre che questa fosse una gara.
Devi solo essere te stesso, perché è quello che ti ha portato ad essere nudo dentro un letto con una ragazza.
Intesi?

Trucco 3: Non è mai come nei film

Non è mai come nei film, qualsiasi tipo di film a cui tu stia pensando.
Non è la scena romantica che quando vuoi rifarla esce sempre fuori un po’ grottesca. Non è quella erotica dove la provi a mettere sul tavolo della cucina ma lei è scomoda e tu tutto sommato stai più comodo a letto.

Fai solo le cose che ti senti di fare, segui l’istinto e non la sceneggiatura che hai in testa. Troppi rapporti finiscono inseguendo il modello di quello che vorrebbero essere e non accettano quello che sono.
I film vanno bene al cinema o sulle piattaforme on demand, per il resto esiste solo il qui ed ora, ed è quello che devi vivere

Trucco 4: Smetti di parlare con il tuo pene

L’ultimo trucco per combattere l’ansia da prestazione è smetterla di parlare con il tuo pene.
Lo sappiamo tutti, sei in bagno, lo guardi e gli dici cose tipo “Non mi tradire proprio stasera” o “Mi raccomando, sii forte”. In pratica pensi di trasferire tutta la pressione che senti addosso a lui, come se fosse un’entità scollegata del tuo corpo.

No, non funziona così amico mio, il tuo pene dipende direttamente da te. Prova invece a parlare con lei, a creare intimità. Non so, magari riprovando a baciarla come era successo in macchina. A volte il bacio è meglio del viagra.
Ecco, l’intimità aiuta, se lasci entrare lei nel tuo intimo non hai niente da temere.
Rilassati, almeno il sesso è rimasto un momento di gioia (che ne dicano le religioni)

Questi erano 4 trucchi, o meglio 4 consigli per combattere l’ansia da prestazione.
A volte andrà bene, altre andrà meno. Ti auguro di vivere tutto con estrema leggerezza.

Perché si può resistere alla cilecca senza tatuarsi resilienza.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: